DONA ORA

Pace è… mani che si stringono

In questo articolo
si parla di:

Questo articolo
è nella categoria:

NEWS PRIMO PIANO

L’idea di costruire questa installazione è iniziata in seguito all’invito e alla voglia di partecipare alla giornata del 15 dicembre, organizzata dal Centro Aggregativo Giovanile Muncraft, chiamata “Tufellove”.
In via Monte Ruggero, di fronte  alla biblioteca Ennio Flaiano e all’I.C. Maria Montessori, si sono riunite tantissime associazioni che lavorano nel Terzo Municipio, con musica, esibizioni, giochi e attività pensate per tutti i ragazzi e le ragazze.

 

"Abbiamo riunito i ragazzi durante la presenza ad Approdo dei Volontari della ConTe, e abbiamo cercato di organizzare istantaneamente un processo di Brain storming che riguardasse la pace e la guerra: emozioni, immagini, oggetti, parole" racconta Giuseppe Scarvaglieri, Responsabile CPA Zurla.

 

Partendo dalle parole raccolte, insieme si è pensato a un progetto che trovasse una modalità di comunicazione per esprimere all’interno di un lavoro di gruppo queste parole e i loro significati. L’obiettivo finale è stato quello di trasformare, insieme, le parole in arte.
È nata l’idea di unire simboli e parole e realizzare un lavoro che “dall’immaginazione si trasformasse in Installazione” concreta, tangibile.
I ragazzi creavano mentre si confrontavano fra di loro e passo dopo passo l’insieme delle loro idee, con il supporto dell’educatore, si è trasformato in un progetto artistico di condivisione.

TI POTREBBE INTERESSARE

Scambiamoci un gol, in arrivo la II Edizione
LEGGI
Imparare a conoscere sé stessi con i gruppi di parola
LEGGI
“Il running è una cosa seria” sostiene L’Approdo
LEGGI
Un delicato fiore di Anar: storie dall’Afghanistan
LEGGI
Un’estate con il gruppo appartamento L’Approdo
LEGGI

NEWSLETTER