Kedjenou

Questo articolo
è nella categoria:

RUBRICA CULINARIA SCOPRI COSA FACCIAMO

Kedjenou

Rubrica culinaria

Approdiamo... in Cucina!

Approdiamo in Costa d’Avorio con una ricetta perfetta per salutare l’arrivo della stagione invernale. Il piatto che vi proponiamo oggi ha tra gli ingredienti uno degli alimenti base di questa terra: la manioca!

A cucinare è il nostro Aalif, che ci aveva già preparato in passato un ottimo piatto ivoriano (per la ricetta clicca qui). Ci propone un altro piatto tipico, che in Costa d’Avorio è possibile gustare nei maquis, i tipici ristorantini all’aperto che colorano le strade delle città.  Il profumo che si sente nella cucina, dove Aalif è già all’opera prima del nostro arrivo, è molto invitante e resistere fino alla fine della preparazione è davvero difficile, così Aalif ci intrattiene con delle patate al forno tagliate a sfoglie sottili e quindi croccanti e dei pezzettoni di tapioca (in realtà per quest’ultima avevamo solo il compito di tagliarla a tocchi per la ricetta, ma è troppo buona per desistere dalla tentazione di assaggiarla).

 

rubrica culinaria

Ecco la ricetta del kedjenou alla Aalif!

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 Pollo intero tagliato a pezzi
  • 3 Grandi pomodori tagliati a pezzi grandi
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 2 Cipolle tagliate in piccoli pezzi
  • 3 Spicchi d’aglio sminuzzati 
  • 5 Foglie d’alloro
  • 1 Radice di zenzero grattugiata
  • 1 gombo
  • 2 dadi vegetali o di pollo
  • 1 tapioca di medie dimensioni
  • Olio di arachidi
  • Sale q.b.

 

 

 

 

 

Procedimento:

In una pentola con un po’ di olio di arachidi, fate rosolare i pezzi di pollo con la cipolla e l’aglio, quindi aggiungete il resto degli ingredienti (pomodori, concentrato di pomodoro, gombo, zenzero, alloro e dadi) e coprite con un coperchio.

Lasciate cuocere per 50 minuti circa a fiamma bassa senza alzare il coperchio; assicuratevi ogni dieci minuti che il pollo non si attacchi al fondo della pentola; potete semplicemente scuotere energicamente la pentola, così da non alzare il coperchio (non a caso kedjenou significa “scuotere dentro”). Terminati i tempi di cottura salate il tutto.

Abitualmente gli ivoriani accompagnano questo piatto con l’Attiéké, a base di manioca ed esteticamente simile al cous cous. Noi abbiamo utilizzato direttamente la manioca tagliata a tocchi, rosolata ed insaporita con il condimento del nostro kedjenou.

Buon appetito!

TI POTREBBE INTERESSARE

Insieme, per un Natale più sostenibile
LEGGI
Io non so chi sono, il viaggio di A. dall’Egitto
LEGGI
Incontrarsi, per crescere insieme
LEGGI
Seminario online “Ridefinire l’appartenenza: l’adolescenza migrante”
LEGGI
Prendersi cura di chi si prende cura
LEGGI

NEWSLETTER